“La Prosciutteria Cantina dei Papi”

“La Prosciutteria Cantina dei Papi”

di Ida Petrillo

Tre Prosciutterie Wine Bar sorte nel centro storico  della città eterna, immerse nell’incantevole cornice della Roma d’altri tempi, dove a tavolino o al bancone si servono sfizi, salumi, formaggi e panini ma solo di prodotti artigianali accuratamente selezionati.

Il loro nome è Cantina dei Papi, nate dalla passione per il buon cibo e il buon vino, dalla continua ricerca di prodotti artigianali di gusto e qualità eccelsa.

Sicuramente  un nuovo modo di mangiare, semplice e veloce; dall’aperitivo al pranzo in piedi fino alla cena sfiziosa, gustosa e di qualità, a base di prodotti artigianali 100% Made in Italy e in accompagnamento ad un calice di buon vino.

La Prosciutteria Wine Bar nel quartiere della Fontana di Trevi è una location piccola, giovanile e informale ma ricercata negli arredi. Nel cuore di Trastevere, un luogo speciale dove condividere con gli amici un aperitivo a base di prosciutti e formaggi di alta qualità, un pranzo o una cena veloce anche “fuori orario”, assaporando un calice di buon vino o di bollicine.

A Piazza Navona, un locale nel cuore di Roma dal sapore vintage che serve modernissimo street food. Infine anche a Viterbo, nel cuore della Città dei Papi, si può mangiare a La Prosciutteria Cantina dei Papi, un luogo dove assaporare la cucina laziale, realizzata con materie prime di piccoli produttori locali.

Ma il ristorante “La Prosciutteria Cantina dei Papi” quiè anche un piccolo “museo”, un passaggio segreto alla Viterbo sotterranea aperto ai clienti.

Le Specialità delle prosciutterie vanno dai vari pecorini italiani d’autore, ai formaggi d’alpeggio a latte crudo rigorosamente prodotti sull’arco alpino, fino ai formaggi tipici del territorio laziale. 

Taglieri di salumi misti, taglieri con porchetta e taglieri di salumi e formaggi gourmet, ovvero l’eccellenza di salumi e formaggi italiani, prosciutto, salame e capocollo della Toscana, carpaccio di chianina, bresaola della Valtellina, porchetta di Ariccia, lardo di patanegra, mortadella di cinghiale.

Oltre ai salumi, pecorini e formaggi speciali di montagna. Non mancano le bruschettine con salse varie e misto di verdure grigliate e sott’olio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *