PIZZERIA NEGRI

PIZZERIA NEGRI

di Angela Merolla

L’afflato della storia cinge ogni cosa alla Pizzeria Negri di Pontecagnano Faiano a Salerno.

Sorta nel 1928 e insignita di una Stella Michelin nel 1962 è considerata una location storica del food italiano, che tutt’oggi non rinuncia a conservare le sue origini, preservando la struttura così come la volle realizzare il fondatore Edoardo Negri.

Le pareti tappezzate con le foto di personaggi famosi, i pavimenti d’epoca, l’antico banco per la stesura delle pizze e il forno a vista; ogni cosa narra di 88 anni di storia, dove tra guerre, cambiamenti politici e sociali, la Pizzeria Negri ha dato il suo apporto alla connotazione della cucina locale.

Il design della pizzeria fu fortemente influenzato dalla personalità e dai gusti del Commendatore Negri che volle ricreare al suo interno una eterogeneità di ambienti ispirati ai “tesori” naturalistici, culturali e storici della sua terra.
Il locale, riportato all’antico splendore grazie ad una sapiente opera di restauro, si caratterizza per la presenza di sale dalla differente ambientazione. Una sala Pompeiana ricalca le tipiche finiture degli antichi ambienti romani del sito archeologico di Pompei nei colori bianco, rosso scuro e nero. La Grotta Azzurra, dotata di un’atmosfera di rara bellezza grazie all’installazione di stalattiti che scendono dal soffitto e che richiamano la celebre grotta di Capri.

Il giardino e la veranda, creati alla fine degli anni ’50, sono ancora oggi l’ideale per godersi la dolcezza delle serate primaverili e per sfuggire al caldo dell’estate. La cantina, oggi trasformata nell’intima sala Oli e Vini, risalente al 1920, era il fulcro da cui l’intero locale traeva energia: Edoardo vi custodiva oltre duecento qualità di vini provenienti da ogni regione d’Italia.

E’ questa, la perfetta atmosfera che accompagna la degustazione dei piatti che arrivano dalla cucina come il famoso “Pollo alla Negri” cotto nel forno a legna.

Poi le pizze Negri, realizzate dallo storico pizzaiolo Marcello, pizze che per ingredienti e  intrinseche peculiarità, raccontano la storia del locale e del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *