Tre chef stellati ai fornelli delle mense sociali napoletane

Tre chef stellati ai fornelli delle mense sociali napoletane

In un periodo molto delicato come quello che stiamo vivendo i gesti di solidarietà risultano ancora più importanti. Gli italiani tutti – imprenditori, genitori, ragazzi, personale medico, etc. – stanno facendo uno sforzo immane per fronteggiare l’emergenza e gettare le basi per un nuovo inizio.
In questi mesi non sono mancate iniziative di solidarietà finalizzate a sostenere i soggetti meno fortunati. A tal proposito si stanno mobilitando personaggi famosi, imprenditori e chef stellati.

A Napoli l’associazione “Tra Cielo e Mare”, presieduta da Alfonsina Longobardi, ha coinvolto tre chef stellati, due dinamici personaggi molto popolari e importanti imprenditori nel campo del food in un tour che li sta portando a cucinare nelle mense animate da anni da realtà parrocchiali che si impegnano a dar da mangiare a persone meno abbienti. Cosi gli chef Crescenzo ScottiDomenico Iavarone (al capo delle cucine di “Josè restaurant”, fiore all’occhielo della ristorazione torrese) e Michele De Leo (una dele stelle della cucina che brilla nel cielo di Torre del Greco) hanno cucinato un menù a sei mani, utilizzando prodotti del territorio forniti dalle aziende partner dell’iniziativa, che è stato servito servito nei giorni 21 e 25 maggio nelle mense sociali di Torre del Greco (parrocchia di S. Antonio) e Napoli (centro sociale “Il binario della solidarietà”). 

Francesco Albanese – attore e regista, una delle colonne portanti del programma “Made in Sud” – e il torrese Ciro Torlo – modello e attore, ex Mister Italia – sono intervenuti in tali occasioni per salutare i presenti.
Alfonsina Longobardi ha deciso così di convogliare gli sforzi che l’associazione “Tra Cielo e Mare” avrebbe dovuto profondere per l’organizzazione di “Cenando sotto un cielo diverso”, evento di beneficenza che si sarebbe dovuto tenere nel mese di giugno, per aiutare persone che versano in condizioni precarie.

Dotati di mascherina, guanti e con ogni precauzione sanitaria dettata dall’emergenza per il Covid-19, gli chef prepareranno  il giorno 28 maggio i pasti per la mensa della “Casa del Pellegrino” di Pompei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *