Cantina Riccio

Cantina Riccio

Cantina Riccio – Se è vero che ogni vino è figlio di chi lo ha prodotto e da lui ne eredita i lineamenti e le sfaccettature del carattere, Cantina Riccio ha realizzato un’etichetta che è il simbolo imprescindibile dello stretto legame che il produttore conserva con la sua terra, con i ricordi che l’avvincono alla famiglia e alla sua storia.

Giuseppe De Marco non ha mai dimenticato la terra natia, Chiusano di San Domenico in provincia di Avellino e con essa le radicate tradizioni vitivinicole di famiglia, i cari ricordi di quando era bambino, per cui ha voluto realizzare proprio qui, in questo luogo a cui è tanto legato, la sua azienda vitivinicola.

L’etichetta introduce il racconto del suo vino, la scelta del nome della cantina è ispirato dal soprannome che Giuseppe De Marco si porta da piccolo, quando in paese, per i suoi folti ricci era chiamato “Peppe o’ riccio”. Il calice in etichetta riprende l’iniziale del suo nome e quello della moglie, ma anche il simbolismo bifrontale di Janus, divinità raffigurata con due volti, uno sul passato e l’altro sul futuro, per cui ”I vini di Janus”.

Cantina Riccio, si estende su 7 ettari di vigna, il suo è un progetto che mira ad una produzione di alta qualità, utilizzando le più moderne tecniche di coltivazione e di vinificazione delle uve.

Cantina Riccio produce sei etichette: Campania Falanghina Igp, Fiano di Avellino Docg, Greco di Tufo Docg, Irpinia Aglianico Doc, Taurasi Docg e lo spumante  Riccio Extra Dry.

Sono vini che rievocano le tradizioni pur essendo proiettati nel futuro sono “I vini di Janus”.

di Angela Merolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *