Le Marchesine

Le Marchesine

Le Marchesine : l’arte di creare eccellenza in Franciacorta
Ricerca continua della perfezione e innovazioni tecnologiche sono i cardini de Le
Marchesine, azienda storica familiare giunta alla quinta generazione
Nel cuore della Franciacorta, a due passi dal Lago d’Iseo, sorge una realtà vitivinicola ricca di storia
e vanto per l’intero territorio: è l’azienda agricola Le Marchesine di Passirano (BS) che con i suoi
47 ettari di vigneti sparsi su tutta la superficie collinare produce circa 450 mila bottiglie l’anno,
confermandosi tra i leader nella produzione di Franciacorta DOCG.
A dirigere l’azienda agricola da 5 generazioni è la famiglia Biatta, che da 110 anni opera nel settore
vitivinicolo con passione e conoscenza, tramandate nel tempo di padre in figlio. È dal bisnonno
Camillo, già négociant éleveur, che Giovanni, capostipite de Le Marchesine, eredita l’amore per le
bollicine grazie al quale decide di acquistare nel 1985 i primi ettari di terreno nella zona della
Franciacorta. A più di trent’anni di distanza, il coinvolgimento del figlio Loris, ora Patron, e dei figli
Alice e Andrea ha permesso all’azienda di espandersi estendendo i propri ettari in tutto il territorio
franciacortino, così da poter sfruttare le peculiarità di differenti terreni per produrre diverse tipologie
di Franciacorta.

Albios Selecion


L’obiettivo della Famiglia Biatta è quello di produrre vini eleganti, freschi, piacevoli alla beva e
immediati, di grande pulizia e precisione, rispettando la materia prima che il territorio offre e
utilizzando le migliori e più moderne tecnologie.
Produzione
Chardonnay in primis, ma anche Pinot Nero e Pinot Bianco sono i vitigni principali allevati a Guyot
da cui derivano le produzioni firmate Le Marchesine, che per quanto riguarda i Franciacorta sono
suddivise in Secolo Novo (Brut Millesimato, Riserva Brut Nature Giovanni Biatta, Riserva Dosage
Zéro), Millesimati (Rosé, Satèn, Blanc de Noir e Blanc de Blancs) e Classici (Brut ed Extra Brut).
A completare la gamma di prodotti ci sono gli Opera (spumanti metodo classico VSQ), i Curtefranca
e le Grappe.
Al momento la produzione si attesta intorno alle 450mila bottiglie l’anno, delle quali 230mila di
Franciacorta Brut Nitens ed Extra Brut Audens, 60mila di Rosé millesimato Artio, 70mila di
Franciacorta Satèn Brigantia, 30mila di Franciacorta Millesimato solo nelle grandi annate, oltre a
10mila bottiglie del Cru Millesimato Secolo Novo, cui vanno ad aggiungersi le 10mila bottiglie di
Curtefranca Bianco e le 10mila di Curtefranca Rosso.
Dall’autunno 2012 si sono aggiunti alla produzione il Franciacorta Riserva Brut Nature Secolo
Novo Giovanni Biatta, di cui sono state prodotte 5.700 bottiglie, e il Franciacorta Millesimato Extra
Brut Blanc de Noir (oggi Nodens) con 6.700 bottiglie.

Albios Selecion


Innovazioni tecnologiche
Sono le innovazioni in ambito di coltivazione a permettere a Le Marchesine di distinguersi con
determinazione pur restando in linea con le caratteristiche produttive dettate dal consorzio del
Franciacorta. L’azienda vitivinicola vanta un rapporto ultradecennale con una vera e propria
istituzione della regione dello Champagne, l’Istituto Enologico di Champagne, di cui è membro
l’enologo stesso de Le Marchesine, Jean Pierre Valade. Grazie a questa sinergia, la famiglia Biatta
ha introdotto negli anni avanzate tecniche d’oltralpe, risultando una delle prime realtà vitivinicole
ad abbandonare il sistema di coltivazione a pergola.
Ulteriori esempi di una filosofia incentrata sull’innovazione è la scelta di utilizzare pupitres
meccanizzate (giropallets) per il rimescolamento dei depositi nelle bottiglie che, grazie a un
movimento costante, permettono di raggiungere un migliore risultato finale rispetto alla rotazione
manuale o ancora le capannine meteorologiche impiantate nei vigneti per monitorare costantemente
lo stato nei loro terreni in Franciacorta.
La nuova cantina
Con il chiaro obiettivo di continuare a produrre eccellenza, la lungimiranza della famiglia Biatta ha
portato alla decisione di ampliare la cantina, cuore pulsante de Le Marchesine, per triplicare gli
spazi a disposizione e renderla un vero e proprio punto di riferimento per l’intera Franciacorta e
non solo.
Un grande sforzo per una realtà che ha costruito la propria storia e l’ottima reputazione contando
esclusivamente sulle proprie forze e sul duro lavoro, ma che oggi guarda ancora al futuro guidata
dalla passione e dalla continua ricerca della qualità.

Secolo Nuovo


Riconoscimenti ottenuti
Questo costante desiderio di migliorare i propri vini è stato premiato nel tempo con numerosi
riconoscimenti tra cui, solo per citare alcuni premi del 2021: i 3 bicchieri e i 5 grappoli BIBENDA
per il Secolo Novo 2012 Brut, mentre i 4 Tralci Guida VITAE al Rosé Millesimato 2016.
Nel 2020 i Tre Bicchieri della guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2020, 4 Rose Camune
Viniplus 2020 e 5 Sfere Sparkle al Secolo Novo Riserva 2011 Dosage Zéro.
Le 5 sfere Sparkle, 3 Prosit ONAV e 5 grappoli BIBENDA al Secolo Novo Brut Riserva 2011.
4 Rose Camune della guida Viniplus 2020 e 4 Tralci Guida VITAE al Rosé Millesimato 2015.
La Corona del pubblico e Golden Star per Vini Buoni d’Italia e 5 sfere Sparkle per il Satèn
Millesimato 2015.
Ma anche il premio Bollicine dell’Anno 2011 per il Secolo Novo 2005, la Rosa Camuna d’Argento
per l’eccellenza della guida Viniplus 2011 per il Franciacorta Brut Blanc de Blancs 2005 e il
Gold Medal Club 90 e Gilbert&Gaillard per il Rosé 2006.

Le Marchesine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *