SOMU conquista la prima stella Michelin

SOMU conquista la prima stella Michelin

SOMU conquista la prima stella Michelin e fa brillare la cucina sarda

 Un successo per SOMU, ristorante a Baja Sardinia guidato dall’executive chef Salvatore Camedda, e per la Sardegna tutta, che fa passi in avanti per divenire una brillante tappa enogastronomica.

Da ristorante locale a nuova stella Michelin e punto di riferimento nel panorama ristorativo sardo. Ne ha fatta di strada Salvatore Camedda, padrone di casa ed executive chef di SOMU, il ristorante a Baja Sardinia (presso il Club Hotel, dal 2020) che oggi ha ottenuto l’ambito riconoscimento in occasione della presentazione della Rossa 2022.

Un percorso fatto di sacrifici, di impegno ma soprattutto di passione, la passione necessaria a raccontare e promuovere a tavola la propria terra, la Sardegna.

“È il raggiungimento di un traguardo sperato e ricercato – ha dichiarato Salvatore Camedda – Ci abbiamo messo l’anima, nel raccontare una Sardegna diversa a tavola, nel valorizzare davvero questa terra. E questo ci è stato riconosciuto. Ringrazio chi ha creduto in noi, chi ci ha scelti, chi ci ha scelti anche una seconda volta, per rivivere l’esperienza SOMU. Ma soprattutto ringrazio il mio team, la mia squadra, le persone che con me hanno trasformato questo sogno in realtà. Un sogno che, mi auguro, possa solo crescere e migliorare. La gente merita di conoscere la nostra Sardegna e la Sardegna, senza ombra di dubbio, merita di essere conosciuta, davvero».

LA CUCINA E LA SQUADRA DI SOMU, NUOVA STELLA IN SARDEGNA

Dal palco della Michelin a Relais Franciacorta, Salvatore Camedda porta a casa una stella. Non un semplice riconoscimento di una cucina fine dining che sa conquistare, grazie alla sua autenticità, al racconto di ingredienti locali di alta qualità, ad abbinamenti insoliti e spesso sorprendenti. La stella per SOMU è la dimostrazione di quanto il lavoro di una squadra, mossa da medesimi obiettivi e valori, funzioni.

Al fianco di Salvatore, in cucina, Antonio Gallarato, cuoco sardo con alle spalle una grande esperienza in ristoranti fine dining, l’ultima come sous chef di Cracco in Galleria; Martina Bonino, il talento e le mani che curano la parte dolce del menu di SOMU; Giacomo Serrelli, il restaurant manager, la voce che racconta la cucina di Salvatore al tavolo e che a questa cucina abbina i migliori vini del territorio; e Riccardo D’Angelo, junior suos chef nella brigata Salvatore.

UNA RINASCITA GASTRONOMICA SARDA: IL MENU INVERNALE DI SOMU

 Non solo mare, non solo estate. Quest’anno SOMU, nonostante la posizione sul mare e l’attrattività spiccatamente stagionale, esce dagli stereotipi di ristorante sardo e diventa tappa enogastronomica a tutti gli effetti. Da una parte la stella Michelin, che ne consacra la cucina, il servizio e l’ospitalità. Dall’altra la decisione, difficile ma consapevole, di rimanere aperti anche durante la stagione invernale.

 “Abbiamo deciso così. Lo abbiamo fatto perché crediamo fortemente nelle potenzialità del nostro territorio. Vogliamo raccontare i nostri grandi prodotti, selezionati in lungo e in largo per la Sardegna, anche in un momento dell’anno in cui spesso, purtroppo, non vengono valorizzati come dovrebbero. Vogliamo raccontarli con la nostra cucina e farli conoscere a tutti coloro che vorranno venire a farci visita”.

La cucina di SOMU è pronta a coccolare ma anche a spiazzare i suoi ospiti con le sue proposte, che mixano arte in cucina, amore per il proprio territorio e abilità nell’aprirsi ai gusti esteri. Un’identità sempre più matura, capace di unire terra e mare in un piatto, come accade in Finferli, patate e ostriche. Una tradizione rivisitata e sicura di sé, come nel Filindeu doppio brodo, gnocchi di erborinato e midollo di vitello. Un autentico viaggio alla scoperta di chicche gastronomiche, come nel signature dish Bottone, aglio nero, brodo di liquirizia, costa di bietola e fiore sardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *