NUOVO CAPITOLO PER COCCIUTO

NUOVO CAPITOLO PER COCCIUTO

NUOVO CAPITOLO PER COCCIUTO CHE PROSEGUE LA SUA ESPANSIONE E RINNOVA IL FORMAT DI SUCCESSO

L’insegna milanese sinonimo di qualità chiude l’anno in positivo e inaugura il 2022 con due aperture e un nuovo menu con una sezione speciale dedicata a Milano

Progetti ambiziosi, una carta innovativa e attesissime inaugurazioni nel primo trimestre del 2022. Cocciuto, punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, scommette sul futuro e conferma il successo di questi anni, tra obiettivi raggiunti e iniziative di spicco.

Uno sguardo al 2021

Il brand chiude il 2021 con positività ed entusiasmo, in perfetto stile “Cocciuto”. Nel corso dei 12 mesi sono state sfornate oltre 200.000 pizze, pari a un’area di 15mila metri quadrati (più di due campi da calcio); la fila di tutti i clienti serviti nei tre locali dell’insegna raggiungerebbe gli 80 km, esattamente due volte il perimetro della città di Milano. I piatti più amati? Pizze, burger e dolci si aggiudicano il podio.

Corso Lodi

“Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto, abbiamo organizzato attività divertenti e molto apprezzate, come i Bold Brunch, che hanno intrattenuto il pubblico con quattro appuntamenti domenicali a tema. Abbiamo conquistato nuovi clienti, anche grazie all’alta qualità degli ingredienti che regolarmente introduciamo, selezionati presso piccoli produttori, realtà italiane e Presidi Slow Food, che ci consentono di eccellere nell’offerta. Nel corso del 2022 proseguiremo in questa direzione e il nuovo menu ne è un perfetto esempio”, raccontano Paolo Piacentini e Michela Reginato, founder del brand, che in pochi anni ha saputo innovare il concetto di ristorazione moderna. “Le aperture in programma ci permetteranno di allargare il bacino di clientela che, siamo sicuri, sapremo far innamorare della cucina di Cocciuto”, concludono.

Il nuovo menù: pizze, innovazione e milanesità

Dopo aver scalato le classifiche delle più autorevoli pizzerie d’Italia, Cocciuto rinnova la sua proposta con l’introduzione di abbinamenti inediti. Spicca la Pizza Braciolata, con protagonisti il ragù di braciole e la stracciatella di gorgonzola km 0. Dai sapori intensi anche la Pizza Amatriciana Cocciuta con guanciale di Amatrice, conciato romano – Presidio Slow Food – e pepe nero. Degna di nota è l’amatissima Pistacchiata, ora anche in versione Provolata, con l’aggiunta di provola affumicata al pistacchio di Bronte e mortadella Bonfatti.

Via Bergognone

Ma Cocciuto non è solo pizza: l’insegna, che fin dalle origini si distingue per un menù eclettico dal twist internazionale, presenta nuovi piatti e rivisitazioni dei suoi best seller. Nella sezione Burger, lo Spicy Porn si fa apprezzare per il mix unconventional della farcitura, che prevede una base di tronchetto di capra, bacon croccante, cuore di bue, pasta di peperoncino e coriandolo, crunch di platano e salsa bernese. Rinnovata anche la proposta di Tartare – la nuova Tonno e Mango è già un must-try – e quella di Pokè. Tra le Tapas spiccano la Taquito, con pulled chicken marinato, guacamole, panna acida e pico de gallo, e la Vegan Tacos, servita calda, ripiena di verdura, uvetta, pinoli e condita con citronette al limone.

Grandi novità anche per i brunch lovers, che potranno ordinare in tutti i locali le gustosissime Jacked Potatoes e gli Avocado Toast Pink. Alle suggestioni esotiche si affianca per la prima volta una selezione “di casa”. Fa il suo ingresso in carta la sezione “Milanese Cocciuto”: Mondeghili di Vitello, Risotto alla Milanese e la Cotoletta “Come una Volta”, tre piatti meneghini in un menù degustazione creato per portare in tavola la tradizione gastronomica del capoluogo lombardo.

L’eccellenza delle materie prime è il fil rouge del brand, che introduce quest’anno nuovi Presidi Slow Food e Denominazioni di Origine Controllata o Protetta per mantenere gli alti standard qualitativi che da sempre contraddistinguono la filosofia dell’insegna.

Le nuove aperture e l’inconfondibile design internazionale

C’è grande attesa per le nuove aperture, due “place to be” che si andranno ad aggiungere alle tre location presenti in città; nel mese di marzo verranno inaugurati i ristoranti di via Procaccini e via Turati. Gli ambienti manterranno lo stile inconfondibile di Cocciuto, caratterizzato da un’atmosfera cosmopolita e un design “urban chic”, con arredi accuratamente selezionati e mixati a giochi di cromie e materiali urbani. Per una “restaurant experience” che unisce gusto ed estetica.

COCCIUTO

Cocciuto nasce da un’idea di Michela Reginato e Paolo Piacentini con l’intento di portare innovazione nel concept della ristorazione moderna. Un’attenta selezione delle migliori materie prime, protagoniste di una carta che insieme alle pizze annovera anche piatti dal twist internazionale, unitamente al mood ricercato ed elegante dei locali e alla professionalità del servizio, ne fanno un’insegna unica nel suo genere. Il nome stesso e il payoff “La qualità in testa” stanno proprio a incarnare l’ostinazione nel raggiungere il massimo sotto tutti i punti di vista, con un occhio attento anche alla sostenibilità. Con tre location in luoghi strategici della città di Milano – via Bergognone (zona Tortona), Corso Lodi (Porta Romana) e via Melzo (Porta Venezia) – Cocciuto è diventato un punto di riferimento per gli amanti della pizza e della qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.