L’Azienda agricola Punzo e lo chef Nunzio Illuminato protagonisti a TuffOlio 2022

L’Azienda agricola Punzo e lo chef Nunzio Illuminato protagonisti a TuffOlio 2022

L’Azienda agricola Punzo e lo chef Nunzio Illuminato protagonisti a TuffOlio 2022

di Francesco Colamonico

L’ Azienda agricola Punzo e lo chef Nunzio Illuminato, sono stati tra i protagonisti di TuffOlio degli Artisti del gusto 2022, salotto enogastronomico dedicato all’olio extravergine di oliva italiano, ospitato quest’anno dalla suggestiva Villa Imperiale a Marechiaro-Napoli.  www.villaimperiale.eu   

Il format  di TuffOlio, giunto alla III Edizione, ha visto protagonista l’ingrediente base della dieta mediterranea, il pregiato olio extravergine d’oliva italiano di alta gamma.

Nell’incontro-degustazione “Aziende-Chef” ci sono state proposte tradizionali e al tempo stesso innovative, che hanno permesso di assaporare pietanze armonizzate da eccellenti oli Evo italiani.

I frantoi presenti,  hanno proposto degustazioni tecniche, ma anche semplicemente degustazioni all’italiana, dove il filo d’olio ha insaporito la fragrante fetta di pane. Ogni chef è stato abbinato ad un frantoio ed ha realizzato una pietanza armonizzata dal suo olio Evo. Gli oli incorniciati nel fascino di un racconto di storia e tradizioni, hanno rappresentato territori diversi, con il profondo bagaglio identitario che ha condotto alla regione d’appartenenza.

L’ Azienda Agricola PUNZO di San Giorgio a Cremano in provincia di Napoli, produce olio extravergine di oliva ottenuto dalla molitura di olive Leccino, Frantoio e Carpellese, coltivati con metodo biologico sul Vesuvio e sul Monte Somma.

Una storia che arriva da lontano, quella della famiglia Punzo e che inizia negli anni ‘40 , pregna di valori, terreno fertile per migliorarsi sempre di più nel tempo ed ottenere una  qualità superiore, ricca dei profumi di quei terreni vulcanici.

Negli anni ’90 l’azienda affronta un restyling, con il cambio del nome, dell’ immagine e con la piantumazione di alberi di oliva in diversi terreni della zona vesuviana e porta avanti un percorso di conversione dei propri terreni e delle proprie coltivazioni verso la “coltivazione Biologica”.

Nulla è lasciato al caso, si studia ogni passo necessario da compiere in campagna sin dall’autunno, dalla raccolta, passando per le potature e tutte le cure necessarie nel massimo rispetto dei dettami dell’agricoltura biologica, fino alla fase delicatissima della raccolta e della trasformazione.

In azienda si cura ogni momento della vita dell’oliveto e del vigneto, da cui le produzioni:  

-Olio Extravergine di Oliva Punzo, ottenuto dalle cultivar Leccino, Frantoio e Carpellese con molitura interna all’oleificio, l’olio che se ne ricava ha una resa elevata e si presenta con un bel colore giallo dorato e luminoso. Al gusto mostra note piccanti e amare medio-leggere. L’ampio spettro olfattivo, invece, offre fragranti sensazioni fruttate e floreali, cui seguono note di carciofo ed un delicato sentore di erba fresca. Ottimo per arricchire ed esaltare i piatti di pesce e verdure tipici della cucina mediterranea.

-Olio Extravergine di Oliva BIO Punzo, prodotto da olivi Leccino, Frantoio e Carpellese, coltivati con metodo biologico su terreni di San Sebastiano al Vesuvio (NA) e di Pollena Trocchia (NA), a ridosso del vulcano.
Ottenuto dalle cultivar Leccino, Frantoio e Carpellese con molitura interna all’oleificio, l’olio che se ne ricava ha una resa elevata e si presenta con un bel colore giallo dorato e luminoso. Al gusto mostra note piccanti e amare medio-leggere. L’ampio spettro olfattivo, invece, offre fragranti sensazioni fruttate e floreali, cui seguono note di carciofo ed un delicato sentore di erba fresca. Ottimo per arricchire ed esaltare i piatti di pesce e verdure tipici della cucina mediterranea.

L’azienda agricola si dedica con la stessa passione anche ai suoi vigneti di San Sebastiano al Vesuvio, dove alleva viti della varietà Catalanesca.

Il vino SOMMAELIER  100% Catalanesca è prodotto secondo le direttive della coltivazione biologica e sotto stretto controllo agronomico.

La raccolta dei grappoli avviene in epoca tardiva (fine ottobre- inizio novembre) e questo la caratterizza ulteriormente: accostandolo al naso, si percepiscono odori di fumo e di terreno bruciato, richiamando subito l’immagine del Vesuvio; insistendo nell’inspirazione, si scovano dei profumi secondari di frutta, in particolare di agrumi e di albicocca. In ultimo, dopo ripetuti ritorni al naso, si può percepire del profumo di rosmarino.

Assaggiare SOMMAELIER è come compiere una passeggiata alle pendici del Vesuvio.
www.oleificiopunzo.it
 

www.casapunzo.it

Nunzio Illuminato chef e patron de La Baita del Re Resort  a Ottaviano in provincia di Napoli.

La famiglia Illuminato da  oltre venti anni racconta la cucina a km zero e la ristorazione sostenibile.

Il “buono” della lentezza contro l’omogeneità del frenetico.

Nessun compromesso con la produzione seriale: il loro laboratorio culinario seleziona esclusivamente sul  territorio vesuviano prodotti sani e genuini che seguono il corso naturale della crescita.

Arrivati oggi alla terza generazione di chef, amano definirsi artigiani della cucina e dei suoi sapori essenziali. Perché pensiamo Certi che il calore delle mani sia il miglior condimento, anche per le pietanze più sofisticate.

Da padre in figlio, i piatti hanno vissuto la trasformazione generazionale, senza perdere la forza delle radici.

Giuseppe Illuminato ha creato La Baita del Re nel 1987, ma la passione per l’arte culinaria era un pezzo di famiglia da oltre cent’anni; fin da quando il nonno di Giuseppe cucinava lo stoccafisso nelle cantine dei bassi vesuviani, in cui le ricette

veraci risuonavano tra le voci del popolo.

Gli anni ’90 hanno decretato il successo indiscusso della struttura, protagonista della scena vesuviana e della sua ristorazione.

Nonno Peppe e il figlio Nunzio hanno saputo anticipare i tempi e le tendenze, proponendo al mondo una cucina nuova e coraggiosa, lontana dai menù che popolavano i banchetti nuziali di quegli anni.

La loro cucina attinge dai prodotti autoctoni e dalle produzioni di eccellenza per sperimentare il nuovo, rispettando ciò che è stato.

Dalla panificazione, al confezionamento delle marmellate, fino alla pasta con trafile in bronzo…nelle loro cucine si crea con la testa, si lavora con le mani e si offre con il cuore.

In occasione della III Edizione di TuffOlio, lo chef Illuminato ha realizzato:

Crumble di biscotto napoletano con mandorle e pepe tostato. Petali di baccalà cotto a bassa temperatura in olio extravergine di oliva del Vesuvio “Punzo”, speziato.

Spuma di pomodorini gialli e lenticchie di Castelluccio soffiate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.