A GIUSEPPE CARDONE L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

A GIUSEPPE CARDONE L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

GIUSEPPE CARDONE RICEVE L’ARCIMBOLDO D’ORO

L’Arcimboldo d’Oro ha premiato il settore Pizzeria, presso il Teatro MAV Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, baluardo di cultura e di dialogo ai piedi del Vesuvio.

I pizzaioli selezionati, dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione, sono stati premiati per i seguenti requisiti :

“Mera espressione dell’arte bianca, tramandano un mestiere antico con il saggio utilizzo di tecniche ed estro personale, trasmettono tradizione e al tempo stesso innovazione , con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo, magazine del settore enogastronomico www.larcimboldo.it  impegnato nel narrare e trasmettere al lettore il racconto di professionisti, aziende e prodotti d’eccellenza, fonti di cultura e d’identità del vasto patrimonio enogastronomico  italiano, ha spento le prime dieci candeline e il suo simbolo, il simpatico omino Artista del gusto,  logo che marca le edizioni di TuffOlio www.larcimboldo.it/category/tuffolio   e del Festival Artisti del gusto www.larcimboldo.it/category/festival-artistidel-gusto, ovvero gli eventi ideati e organizzati dal team di Angela Merolla, da quest’anno è diventato d’oro “L’Arcimboldo d’Oro”.

La statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com, vuole essere un vero e proprio riconoscimento rilasciato unicamente ad una rosa di eccellenti professionisti del settore enogastronomico.

Giuseppe Cardone, pizzaiolo e titolare delle tre pizzerie che portano il suo nome “Giuseppe Cardone” dislocate  in vari punti di Villaricca in provincia di Napoli.

“La Perla” è stato per anni il marchio della famiglia Cardone; la prima sede nacque a Villaricca nel 2001, da quel momento divenne un punto di riferimento per la cittadina alla porte di Napoli, tant’è che negli anni a seguire Giuseppe Cardone ha inaugurato altre sedi, con lo stesso nome delle precedenti, non solo perchè sinonimo di garanzia del prodotto pizza a firma Cardone, ma poiché anche in queste sedi, era identica la filosofia dell’arte bianca. 

Di recente le tre pizzerie hanno cambiato brand e si chiamano tutte “Pizzeria Giuseppe Cardone” , nome più diretto e d’impatto.

In base alla pizzeria, se da asporto o con servizio ai tavoli, Giuseppe ha scelto di realizzare impasti diversi, dal metodo diretto al prefermento biga, utilizzando quindi farine Tipo 0, oppure Tipo 00 fino a miscele di farine selezionate, a vantaggio del profilo organolettico e per garantire sempre un impasto leggero e digeribile.

Una lavorazione che esige materie prime di qualità, selezionate da Giuseppe con grande accuratezza, proprio per ottenere pizze di standard elevato.

Le pizze del maestro Cardone si presentano con il cornicione abbastanza pronunciato e si lasciano apprezzare nei gusti più diversi, da quelli classici a quelli creativi, che coniugano perfettamente sapori e profumi.

VILLA ANDREA DI ISERNIA

Giuseppe, che è anche istruttore in diverse accademie culinarie, fa il pizzaiolo praticamente da sempre, avendo respirato l’arte sin da piccolo nella pizzeria di suo padre, quando lo aiutava dopo la scuola.

Orgoglio per Villaricca e tutta la provincia nord di Napoli, Giuseppe è salito sul podio in molte competizioni del settore a livello nazionale, che hanno confermato oltretutto la validità del prodotto proposto ai i suoi clienti.

Primo classificato al mondiale di pizza classica nel 2019

Primo classificato al mondiale di pizza gourmet nel 2021

Terzo classificato al mondiale di pizza senza glutine nel 2021 premiato con la fascia Escoffier

Lo hanno visto sul podio, altre due competizioni, dedicate rispettivamente alla pizza napoletana e alla pizza a metro.
Di recente, per il 2022 ha vinto al Campionato Mondiale di pizza a squadre all’
EXPOCOOK di Palermo, gareggiando con i colleghi Luca Cillo e Matteo Frisa

La pizza di punta delle pizzerie Giuseppe Cardone è:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.