A TONINO COGLIANO L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

A TONINO COGLIANO L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

TONINO COGLIANO RICEVE L’ARCIMBOLDO D’ORO

L’Arcimboldo d’Oro ha premiato il settore Pizzeria, presso il Teatro MAV Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, baluardo di cultura e di dialogo ai piedi del Vesuvio.

I pizzaioli selezionati, dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione, sono stati premiati per i seguenti requisiti :

“Mera espressione dell’arte bianca, tramandano un mestiere antico con il saggio utilizzo di tecniche ed estro personale, trasmettono tradizione e al tempo stesso innovazione , con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo, magazine del settore enogastronomico www.larcimboldo.it  impegnato nel narrare e trasmettere al lettore il racconto di professionisti, aziende e prodotti d’eccellenza, fonti di cultura e d’identità del vasto patrimonio enogastronomico  italiano, ha spento le prime dieci candeline e il suo simbolo, il simpatico omino Artista del gusto,  logo che marca le edizioni di TuffOlio www.larcimboldo.it/category/tuffolio   e del Festival Artisti del gusto www.larcimboldo.it/category/festival-artistidel-gusto, ovvero gli eventi ideati e organizzati dal team di Angela Merolla, da quest’anno è diventato d’oro “L’Arcimboldo d’Oro”.

La statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com, vuole essere un vero e proprio riconoscimento rilasciato unicamente ad una rosa di eccellenti professionisti del settore enogastronomico.

Tonino Cogliano, nasce a Frigento in provincia di Avellino, giovane pizzaiolo, da due anni titolare in società con l’amico Simone Lombardi della Pizzeria Napoletana “IMperfetto” a Parigi.

Tutto ebbe inizio quando da bambino, guardava la mamma e la nonna impastare il pane in casa, sembrava un rito, si alzavano presto la mattina e iniziavano a preparare l’impasto a mano nella madia, con un pezzetto lui giocando ripeteva gli stessi gesti, immaginando di essere un gran fornaio.

Crescendo si è sentito sempre più attratto dalla magia della lievitazione, della cottura impeccabile del pane nel forno a legna. Legato alle tradizioni di famiglia, di coltivare il grano per ricavarne la farina, i pomodori per farne conserve, raccogliere le olive per molirle, ha sviluppato una vivace percezione nel riconoscere i veri sapori  e la genuinità in ogni prodotto.

A Parigi, ha portato i profumi e i sapori di Frigento, alla Pizzeria “IMperfetto”,  tra i grattacieli di “La Défense”, il più grande quartiere d’affari d’Europa.

“IMperfetto Pizzeria Napoletana” è un locale curato nei minimi dettagli, dove le nuance del verde petrolio e il color oro danno un tocco raffinato all’ambiente in stile contemporaneo.

VILLA ANDREA DI ISERNIA

 “IMperfetto Pizzeria Napoletana”  con le sue pizze porta in tavola i sapori provenienti dalla Campania, Ciociaria e Puglia, attingendo infatti dai presidi Slow Food e selezionando il migliore Pomodoro San Marzano dop, la burrata pugliese, la mozzarella Fiordilatte e di bufala,  gli olii più indicati e le verdure di stagione.

L’impasto è fatto con una miscela di due tipologie di farine lievitazione di minimo 30 ore.

La pizza di punta che Tonino Cogliano realizza è la:

IMPERFETTO 3.0

Base di crema tartufata, fior di latte, prosciutto crudo di Parma stagionato 24 mesi, noci di Perigord DOP, scaglie di Grana Padano, basilico fresco e olio evo.

www.imperfetto.fr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.