A RODOLFO SORBILLO L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

A RODOLFO SORBILLO L’ARCIMBOLDO D’ORO 2022

RODOLFO SORBILLO RICEVE L’ARCIMBOLDO D’ORO

L’Arcimboldo d’Oro ha premiato il settore Pizzeria, presso il Teatro MAV Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, baluardo di cultura e di dialogo ai piedi del Vesuvio.

I pizzaioli selezionati, dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione, sono stati premiati per i seguenti requisiti :

“Mera espressione dell’arte bianca, tramandano un mestiere antico con il saggio utilizzo di tecniche ed estro personale, trasmettono tradizione e al tempo stesso innovazione , con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo, magazine del settore enogastronomico www.larcimboldo.it  impegnato nel narrare e trasmettere al lettore il racconto di professionisti, aziende e prodotti d’eccellenza, fonti di cultura e d’identità del vasto patrimonio enogastronomico  italiano, ha spento le prime dieci candeline e il suo simbolo, il simpatico omino Artista del gusto,  logo che marca le edizioni di TuffOlio www.larcimboldo.it/category/tuffolio   e del Festival Artisti del gusto www.larcimboldo.it/category/festival-artistidel-gusto, ovvero gli eventi ideati e organizzati dal team di Angela Merolla, da quest’anno è diventato d’oro “L’Arcimboldo d’Oro”.

La statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com, vuole essere un vero e proprio riconoscimento rilasciato unicamente ad una rosa di eccellenti professionisti del settore enogastronomico.

Rodolfo Sorbillo, nella pizzeria dello zio Gigi a Mergellina “La Maga Circe” inizia  a scoprire questo mestiere che da generazioni si trasmette di padre in figlio nella famiglia Sorbillo.

Si impegna nel formarsi professionalmente nel 2013 a Salerno inaugura la sua pizzeria napoletana “Via Tribunali” rappresentando il primo Sorbillo della quarta generazione.

VILLA ANDREA DI ISERNIA

Forte della lunga storia della sua famiglia nel mondo della pizza, Rodolfo Sorbillo continua a seminare consensi e a portare a spasso la sua personale interpretazione di quello che, a tutti gli effetti, è il cibo italiano più famoso e diffuso al mondo.

TEATRO MAV

La sua è una pizza tradizionale, basata sugli insegnamenti dei prozii Patrizio e Umberto che gli sono stati impartiti nella sede storica dei suoi nonni in Via dei Tribunali a Napoli.

Abbandonata la farina di tipo 00, l’innovazione bussa alla porta di Rodolfo, che per le sue pizze utilizza solo farina di tipo 1 rigorosamente biologica e ad una lievitazione con una parte di lievito madre. 24 le ore di lievitazione che conferiscono digeribilità e leggerezza.

“Resto ancorato alla tradizione di famiglia, seppure scelgo farine biologiche e prodotti a denominazione e Presidio Slow Food. Quello che mi è stato tramandato per me è prezioso e lo rinnovo tutti i giorni lavorando con passione alle mie pizze.

www.sorbilloviatribunali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.