Ciro De Cicco

L’ARCIMBOLDO D’ORO 2024 A CIRO DE CICCO

L’Arcimboldo magazine online, prende il nome dal pittore del ‘500 Giuseppe Arcimboldo poiché l’artista realizzò le famose “Teste Composte”, dipinti che rivelavano una figura umana mettendo insieme tra loro prodotti ortofrutticoli, pesci e prodotti di cucina.

” L’Arcimboldo d’Oro ”  ovvero la statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com  , nasce per premiare gli Artisti del Gusto, in Italia e all’estero, cioè coloro i quali che con la loro professione e suddivisi per categorie peculiari, rispondono ai seguenti requisiti nell’ambito enogastronomico:“Artisti del Gusto, custodi e ambasciatori di arti antiche, capaci di saper narrare la storia, di comunicare la cultura del proprio territorio, guardando al futuro e restando al passo con i tempi e le tendenze, con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo d’Oro, inoltre equivale al simbolo del Pennello d’Oro, utilizzato dagli artisti per creare le loro opere.

Dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione e dell’ambito gastronomico, meritevoli Artisti del gusto sono entrati a far parte della guida de L’Arcimboldo con l’assegnazione da uno a tre pennelli d’Oro e durante l’evento di premiazione al Grand Hotel Capodimonte hanno ricevuto la prestigiosa targa che riporta i pennelli d’Oro assegnati.

Ciro De Cicco,presso la Sala Carlo III del Grand Hotel Capodimonte di Napoli, ha ricevuto la targa dai 3pennelli d’Oro.

Il maestro pizzaiolo Ciro De Cicco, originario di Tufino in provincia di Napoli, ha portato il Made in Italy a Bruxelles, sapori espressi con le sue pizze al forno della Pizzeria Sofia.

Vivacità vulcanica, quella di Ciro che lo porta da giovanissimo oltre i confini italiani, con tanta voglia di seguire la sua strada, di approfondire il mondo pizza e ritagliarsi un segmento tutto suo, in questo vasto mondo e far apprezzare le sue abilità di pizzaiolo.

Di tappa in tappa si forma professionalmente nel settore dell’arte bianca; approfondimenti, sperimentazioni per inquadrare l’impasto perfetto per una pizza sempre leggera e digeribile.

L’utilizzo di un’ottima materia prima è uno dei suoi parametri fondamentali del maestro Ciro De Cicco; infatti, si fornisce dalla Mirò Eccellenze Italiane, azienda che propone un’accurata selezione di prodotti artigianali alimentari, vere e proprie eccellenze prodotte in Italia, che distribuisce ai settori Ho.Re.Ca., Trade, Normal Trade, DO, operativa in: Belgio, Lussemburgo, Francia e Olanda.

De Cicco sceglie unicamente ingredienti di alta fascia, inserendo anche prodotti inconsueti e con profonda tecnica realizza un ottimo prodotto pizza espressione di una filosofia interiore.

Il suo creare percorre un viaggio nel passato alla ricerca della connessione con sé stesso, così nascono creazioni originali e gustose come la “Pizza Eva”.

La mela ingrediente “chiave” a guarnizione della pizza, espressa in varie consistenze e coniugata con altri ingredienti, attraverso la rappresentazione della mela come frutto proibito, la cui trasformazione Ciro paragona alla metamorfosi del bruco in farfalla, segno distintivo dell’artista che sottolinea la sua stessa evoluzione, contro ogni pregiudizio sociale.

Ciro De Cicco, non solo maestro pizzaiolo ma anche coordinatore settore pizza dell’Associazione Cuochi Italiani in Belgio.

Di recente la tappa “The Italian Show” a Bruxelles, ha visto durante il Pizza Show, il maestro Ciro De Cicco impastare e sfornare le sue pizze iconiche; un vero successo in un evento che promuove le eccellenze dell’agroalimentare italiano, attraverso la conoscenza diretta del prodotto e l’esperienza con chef e pizzaioli, organizzata in collaborazione con l’Associazione Cuochi Italiani in Belgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *