Vito Monaco

L’ARCIMBOLDO D’ORO 2024 A VITO MONACO

L’Arcimboldo magazine online, prende il nome dal pittore del ‘500 Giuseppe Arcimboldo poiché l’artista realizzò le famose “Teste Composte”, dipinti che rivelavano una figura umana mettendo insieme tra loro prodotti ortofrutticoli, pesci e prodotti di cucina.

” L’Arcimboldo d’Oro ”  ovvero la statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com , nasce per premiare gli Artisti del Gusto, in Italia e all’estero, cioè coloro i quali che con la loro professione e suddivisi per categorie peculiari, rispondono ai seguenti requisiti nell’ambito enogastronomico:“Artisti del Gusto, custodi e ambasciatori di arti antiche, capaci di saper narrare la storia, di comunicare la cultura del proprio territorio, guardando al futuro e restando al passo con i tempi e le tendenze, con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo d’Oro, inoltre equivale al simbolo del Pennello d’Oro, utilizzato dagli artisti per creare le proprie opere.

Dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione e dell’ambito gastronomico, meritevoli Artisti del gusto sono entrati a far parte della guida de L’Arcimboldo con l’assegnazione da uno a tre pennelli d’Oro e durante l’evento di premiazione al Grand Hotel Capodimonte hanno ricevuto la prestigiosa targa che riporta i pennelli d’Oro assegnati.

Arriva da Monaco di Baviera il pizzaiolo Vito Monaco, che presso la Sala Carlo III del Grand Hotel Capodimonte di Napoli, ha ricevuto la targa da 3pennelli d’Oro.

Originario di Potenza, si trasferisce presto in Germania con la famiglia e si avvicina professionalmente al mondo della pizzeria.

Dal 2013 inizia a lavorare presso la pizzeria Mozzamo a Monaco di Baviera, locale dall’identità italiana, ancor di più napoletana.

D’allora, stabile al Mozzano è il responsabile delle pizzerie di tutte le sue sedi, dove realizza una pizza contemporanea, fatta con impasto da blend di farina Tipo 0 e Tipo 1 con 24/ 36 ore di lievitazione.
Tecnico e consulente del Molino Signetti all’estero, si è occupato dell’organizzazione del primo Pizza Festival
di Krefeld e per la prima edizione MSC CROCIERA è stato tra i 30 pizzaioli al mondo a salire a bordo.

Lungo il percorso professionale del maestro Monaco, importanti riconoscimenti gli sono stati assegnati in giro per l’Europa, partecipando a competizioni internazionali del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *