Oreste Bonaiuto

L’ARCIMBOLDO D’ORO 2024 A ORESTE BONAIUTO

L’Arcimboldo magazine online, prende il nome dal pittore del ‘500 Giuseppe Arcimboldo poiché l’artista realizzò le famose “Teste Composte”, dipinti che rivelavano una figura umana mettendo insieme tra loro prodotti ortofrutticoli, pesci e prodotti di cucina.

” L’Arcimboldo d’Oro ”  ovvero la statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com , nasce per premiare gli Artisti del Gusto, in Italia e all’estero, cioè coloro i quali che con la loro professione e suddivisi per categorie peculiari, rispondono ai seguenti requisiti nell’ambito enogastronomico:“Artisti del Gusto, custodi e ambasciatori di arti antiche, capaci di saper narrare la storia, di comunicare la cultura del proprio territorio, guardando al futuro e restando al passo con i tempi e le tendenze, con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo d’Oro, inoltre equivale al simbolo del Pennello d’Oro, utilizzato dagli artisti per creare le proprie opere.

Dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione e dell’ambito gastronomico, meritevoli Artisti del gusto sono entrati a far parte della guida de L’Arcimboldo con l’assegnazione da uno a tre pennelli d’Oro e durante l’evento di premiazione al Grand Hotel Capodimonte hanno ricevuto la prestigiosa targa che riporta i pennelli d’Oro assegnati.

Arriva da Gela in provincia Caltanissetta, Oreste Bonaiuto pizzaiolo e titolare della Pizzeria “Da Oreste A Pizz è femmina”, che presso la Sala Carlo III del Grand Hotel Capodimonte di Napoli, ha ricevuto la targa da 2pennelli d’Oro.

Oreste gestisce la pizzeria con la moglie Francesca Lignano, alla clientela propongono una pizza tonda napoletana contemporanea, con ingredienti che rispettano la stagionalità, alcuni provenienti dalla Campania e un impasto ottenuto con l’impiego di farine dell’Azienda Agricola Gemma.

Oltre all’impasto di base diretto, composto da un blend di farina 0 e di Tipo 1, Oreste realizza un impasto ai cereali con prefermento e un impasto senza glutine.

Alla Pizzeria “Da Oreste A Pizz è femmina” sul lungomare di Gela, Oreste crea le sue pizze esprimendo la propria esperienza maturata in altre regioni d’Italia e all’estero, Francesca invece si occupa della sala, dove inclusi gli spazi esterni si contano ben 200 posti.

Oltre alla pizza nelle sue tante varianti di gusti, si realizzano anche pietanze tipiche dello street food campano come montanarine, crocché, mozzarella in carrozza.

Oreste Bonaiuto nel 2020 ha ricevuto il premio nazionale al merito professionale della Federazione Cooking Show, direttamente da uno dei più noti critici gastronomici italiani, il cavaliere Michele Cutro, con la motivazione “per la ricerca e l’impegno quotidiano lo studio approfondito dei lieviti e delle farine e degli impasti unici nel lori genere”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *