Rodolfo Sorbillo

L’ARCIMBOLDO D’ORO 2024 A RODOLFO SORBILLO

L’Arcimboldo magazine online, prende il nome dal pittore del ‘500 Giuseppe Arcimboldo poiché l’artista realizzò le famose “Teste Composte”, dipinti che rivelavano una figura umana mettendo insieme tra loro prodotti ortofrutticoli, pesci e prodotti di cucina.

” L’Arcimboldo d’Oro ”  ovvero la statuina dorata dalla forma moderna e stilizzata, creata dal 3D Artist Francesco Conte esperto in lighting e look dev www.frankwy.com , nasce per premiare gli Artisti del Gusto, in Italia e all’estero, cioè coloro i quali che con la loro professione e suddivisi per categorie peculiari, rispondono ai seguenti requisiti nell’ambito enogastronomico:“Artisti del Gusto, custodi e ambasciatori di arti antiche, capaci di saper narrare la storia, di comunicare la cultura del proprio territorio, guardando al futuro e restando al passo con i tempi e le tendenze, con unicità e capacità emozionale”.

L’Arcimboldo d’Oro, inoltre equivale al simbolo del Pennello d’Oro, utilizzato dagli artisti per creare le proprie opere.

Dopo una serie di valutazioni da parte di professionisti della comunicazione e dell’ambito gastronomico, meritevoli Artisti del gusto sono entrati a far parte della guida de L’Arcimboldo con l’assegnazione da uno a tre pennelli d’Oro e durante l’evento di premiazione al Grand Hotel Capodimonte hanno ricevuto la prestigiosa targa che riporta i pennelli d’Oro assegnati.

Arriva da Salerno, Rodolfo Sorbillo, pizzaiolo e titolare della Pizzeria “Via Tribunali”, che presso la Sala Carlo III del Grand Hotel Capodimonte di Napoli, ha ricevuto la targa dai 2pennelli d’Oro.

Rodolfo Sorbillo, giovane erede di una dinastia di pizzaioli napoletani, ne rappresenta con orgoglio la quarta generazione.

Inizia ad appassionarsi sin da piccolo a questo mestiere, per poi formarsi professionalmente negli anni a seguire, fino a quando nel 2013 a Salerno inaugura la sua pizzeria napoletana “Via Tribunali”.

La pizza che propone è di tipo tradizionale, basata sugli insegnamenti dati dai prozii Patrizio e Umberto, proprio nella storica pizzeria dei nonni in Via dei Tribunali a Napoli.

Rodolfo, per le sue pizze utilizza solo farina di tipo 1 rigorosamente biologica e ad una lievitazione con una parte di lievito madre, 24 ore di lievitazione che conferiscono digeribilità e leggerezza.

Rodolfo resta ancorato alla tradizione di famiglia, seppure preferisca farine biologiche, prodotti a denominazione e Presidio Slow Food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *